F G G R U P P O

Dilatazione termica acciaio

Come calcolare la dilatazione termica dell’acciaio, attraverso il coefficiente di dilatazione lineare.

Per dilatazione termica dell’acciaio intendiamo l’aumento o diminuzione del volume dell’acciaio in funzione delle variazioni di temperatura. Questo dato è fondamentale per esempio in architettura, perché ci permette di prendere specifici accorgimenti per evitare fratture o spostamenti. Allo stesso modo è indispensabile per valutare quali materiali possono essere accoppiati senza creare tensioni: il fatto che acciaio e conglomerato cementizio abbiano lo stesso coefficiente di dilatazione termica consente la creazione del cemento armato. E’ necessario tenere conto della dilatazione termica in innumerevoli tipologie di lavorazione e di progettazione edile. In questa tabella riportiamo i coefficienti di dilatazione lineare, utili per calcolare la dilatazione termica di acciaio, alluminio e altri materiali.



Vedi tabella

Come si calcola la dilatazione termica? L’allungamento, calcolato in metri, si ottiene moltiplicando la lunghezza per il coefficiente di dilatazione e per i gradi (°C) di incremento della temperatura. La formula della dilatazione lineare è la seguente: Δl = λ · l0 · ΔT dove Δl indica la variazione di lunghezza del corpo, λ indica il coefficiente di dilatazione lineare, l0 indica la lunghezza originaria del corpo.

FG-Gruppo

esegue lavorazioni per conto terzi di ricottura, ricottura isotermica, bonifica, tempra, rinvenimento, normalizzazione, distensione, granigliatura, tempra a induzione. Mettiamo a disposizione di ogni cliente la nostra elevata esperienza nel settore, per scegliere correttamente il trattamento e per risolvere con tempestività ed efficacia qualsiasi problematica a differenti tipologie di materiale.